Crea sito

Addio borse e occhiaie!

Un problema molto frequente quando ci svegliamo la mattina è quello delle borse sotto gli occhi che appesantiscono lo sguardo e ci fanno apparire eternamente stanchi. Ma prima di trovare una soluzione al problema, è importante fare due distinzioni ed è necessario farlo solo guardandosi allo specchio.

Se il gonfiore è variabile, le borse presenti la mattina e durante la giornata sono per un accumulo di liquidi e compaiono maggiormente in periodi in cui ci sentiamo molto stanchi, stressati o quando affatichiamo la vista perché lavoriamo troppo davanti al computer. Possono essere dovuti anche a pasti serali molto salti, condimenti grassi, fritture o alla ritenzione idrica che è frequente nel periodo pre-mestruale. Di solito, queste borse tendono a sgonfiarsi durante la giornata, quando si riattiva la circolazione.

Se il gonfiore è fisso, quindi non tendono a ridursi nel corso della giornata, significa che c’è un accumulo di grasso nella palpebra inferiore che si è depositato nel corso degli anni e che compare nel momento in cui si avanza con l’età. Se si è soggetti a questo tipo di gonfiore, questo grasso crea una borsa sporgente che crea un solco nell’angolo interno dell’occhio.

Vediamo alcuni rimedi semplici, naturali e soprattutto che non danneggiano la nostra pelle. Si può ricorrere a impacchi o creme/gel specifiche per il contorno occhi.

 

 

Impacco con sacchetti di té nero.

 

 

 

 Immergete in una tazza di acqua bollente, due sacchetti di té nero. In questo caso o potete munirvi di dischetti di cotone e intengerli nell’infuso per poi tamponarli sulla zona interessata, oppure potete direttamente applicare i due sacchetti tiepidi sugli occhi per un massimo di 15 minuti.

 

 

 

Impacco con i sali del Mar Morto. 

 

 

E’ un tipo di trattamento da effettuare non tutti i giorni, ma quando il gonfiore necessita di un effetto “rilassante. I sali del Mar Morto sono specifici per risolvere questo problema, in quanto liberano i tessuti dalla ritenzione idrica, infatti sono molto impiegati nella formulazione di fanghi termali per diminuire i cuscinetti. Per creare questo impacco, basta disciogliere in una tazzina di acqua calda, 2 cucchiaino di sali; imbevete due dischetti di cotone o ovatta per bene, strizzateli e applicateli sulla palpebra per 10 minuti. Il gonfiore sparisce rapidamente! Importante è sciacquare con acqua tiepida la zona e applicare una crema per il contorno occhi. Non abusare perché potreste seccare e irritare la zona.

Infuso di betulla e verbena. Due cucchiaini di ciascuna pianta da aggiungere ad una tazza di acqua bollente e lasciare in infusione per 10 minuti. Filtrare e bere l’infuso 3 volte al giorno. Stimola il drenaggio dei liquidi.

E’ fondamentale associare una sana alimentazione. Attenzione ai cibi salati, agli alcolici e ai condimenti perché peggiorano l’aspetto estetico della palpebra. 

Visits: 152

Pubblicato da Giada Casalino

Editrice e responsabile dei contenuti di Le tre B, scrittrice amatoriale di poesie e di tutto ciò che arriva dritto al cuore. E' proprio questo che ama fare: ama parlare ai cuori della gente, agli affamati di vita e di curiosità. Ama chi si fa portavoce dei propri sentimenti. Ama chi rischia anche per un solo grammo di felicità. Ama essere al servizio degli altri. Ama essere se stessa. Il suo aforisma per la vita è Siamo Poesia. Tutto ciò che non dici, va oltre le righe.

Vai alla barra degli strumenti